2017 - Le scienze regionali italiane in Europa 

I contributi dei Soci AISRe nel programma di 100 pagine della conferenza del 57th ERSA Congress “Social Progress for Resilient Regions”  (in ordine di 'comparizione') 

29 August-1 September 2017, Groningen, The Netherlands
https://ersa.eventsair.com/…/2017-e…/official-website/Agenda

 

Camilla Lenzi, Giovanni Perucca (p) The evolution of subjective well being over time and across space

Luciana Lazzeretti, Stefania Oliva (p) Measuring economic resilience in natural disasters: an analysis of major earthquakes in Japanese prefectures

Antonella Rita Ferrara (p), Philip McCann, Rosanna Nisticó Assessing Cohesion Policy effects on EU regional well-being: a dose-response function to the transfers’ intensities

Alessandro Cusimano (p), Fabio Mazzola (p), Sylvain Barde A comparison of dose-response functions in the evaluation of local development programs

Camilla Lenzi, Giovanni Perucca (p) The evolution of subjective well being over time and across space

Dario Musolino (p), Ilaria Mariotti Mental Maps of Entrepreneurs and Explanatory Location Factors: An Empirical Investigation in Italy

Mina Akhavan (p), Hilda Ghiara, Ilaria Mariotti (p), Cecile Sillig The locational behavior of advanced logistics. A European city network analysis 

Wim Meester (p), Dario Musolino Locational preferences of Italian entrepreneurs: the relation between distance and rating

Michele Sabatino (p), Giuseppina Talamo Innovation and competitiveness of European regions: a comparative analysis of the relationship between investments in research and degree of competitiveness

Claudia Ferretti, Chiara Bocci (p), Patrizia Lattarulo Spatial Interactions in Property Tax Policies Among Italian Municipalities

Pietro Pizzuto (p), Fabio Mazzola (p) Is The Great Recession Jeopardizing The European Convergence Process?

Giorgio Fazio (p), Marco Modica, Pascal Mossay City growth and the emergence of a core-periphery structure in the Eurozone

Vicente Rios (p), Lisa Gianmoena Is there Convergence in CO2 emissions? An Investigation based on the Spatial Green- Stuart Solow Model

Dario D'Ingiullo (p), Claudio Di Berardino, Davide Quaglione, Alessandro Sarra The effect of skilled migration on institutional quality of Italian provinces Dylan Jong

Dylan Jong (p), Philip McCann, Viktor Venhorst The long-run economic growth effects of local public finance

Maria Giulia Pezzi (p), Gabriella Punziano “Daje Marche!” A mixed methods assessment of grassroots responses to the 2016 earthquake in the Italian Apennines.

Antonella Rita Ferrara (p), Rosanna Nisticò Happiness, well-being and inequalities

Roberto Ganau (p), Riccardo Crescenzi Inward FDI and regional performance in Europe after the crisis

Silvia Duranti, Maria Luisa Maitino, Valentina Patacchini, Nicola Sciclone (p), Carla Rampichini What training for the unemployed? An impact evaluation for targeting training course  

Lisa Sella, Elena Ragazzi (p), Igor Benati, Valentina Lamonica Counterfactual impact evaluation of a pilot program on bullying migrant adolescents.

Paula Prenzel (p), Simona Iammarino Education Expansion in Ageing Regions: Demographic Consequences for the Regional Skill Composition in Germany

Carlo Ciccarelli (p), Matteo Gomellini, Paolo Sestito Demographics and Productivity Growth: The Case of Italy

Özge Öner, Alessandra Faggian (p) Do they stay or do they go? Location choice of refugees in the hosting country – The Swedish Case

Viktor Venhorst (p), Sierdjan Koster The early career effects of being self-employed while studying

Federico Fantechi (p), Alessandra Faggian, Giulia Urso From strong-ties to weak-ties, building community resilience in disaster prone areas.The case of rural communities in Central Italy.

Laura Resmini (p), Simona Comi Regional policy evaluation in absence of an experimental design: is it possible? Matthias Brachert

Annalisa Caloffi, Marco Mariani (p), Federica Rossi, Margherita Russo R&D collaboration policies: Are they really able to promote networking?

Mariachiara Barzotto, Giancarlo Corò, Ilaria Mariotti (p), Marco Mutinelli The geography of manufacturing FDI location. Evidence from Italy

Giulio Breglia (p), Alessandra Faggian, Giulia Urso Housing market complexity after a natural disaster. A hedonic price model for L’Aquila

Michiel Daams (p), Paolo Veneri The Impact of Natural Amenities On People’s Well-Being: Evidence from House Prices in Dutch Urban Areas

Pierre Maurice Reverberi (p), Cristina Brasili, Valentina Aiello Regional diversity in Cohesion Policy experiences: a quali-quantitative analysis of the institutional settings and implementation schemes in nine European regions

Guido Pellegrini (p), Marusca De Castris Spatial effects in evaluating the impact of European regional policy

Julia Bachtrögler (p), Ugo Fratesi, Giovanni Perucca The influence of the local context on the implementation and impact of EU Cohesion Policy

Davide Fiaschi (p), Lisa Gianmoena, Angela Parenti The Drivers of Inequality Across European Regions

Tomaso G Pompili (p) The impact of tourism arrivals on growth performance in Italian provinces

Marco Modica (p) Sustainable urban neighborhoods: basic principles and indicators for sustainability assessment and development

Marcello Gelormini (p), Aleid Brouwer, Ilaria Mariotti An analysis of mobility patterns among elderly residents of Milan and their effects on self-perceived well-being

Stefano Aragona (p) The regional and urban planning must be for citizens, otherwise it is useless

Davide Fiaschi (p), Lisa Gianmoena, Angela Parenti Mallow Model Averaging for Spatial Matrix Selection

Laura Fregolent (p), Luciano Vettoretto Land use regulation and social regulation: Some reflections on the origins and evolution of sprawl in the Veneto Region

Eleonora Cutrini (p), Andrea Ciffolilli, Marco Pompili Are European Funds supporting firm formation well spent? New evidence on the role of public expenditure for entrepreneurship in Italy

Barbara Martini (p), Marco Platania Resilience and regional specialization: are they related?

Bianca Biagi, Claudio Detotto (p), Alessandra Faggian The impact of short and long run growth on human capital migration in the Italian provinces

Luciana Lazzeretti (p), Stefania Oliva Regional resilience and natural disasters from an evolutionary perspective: a critical literature review

Mina Akhavan (p), Ilaria Mariotti Happy Workers in New Workspaces? The Research Trends of Co-Working

Lisa Gianmoena (p), Vicente Rios Ibanez The Diffusion of Democracy: What Type of Interactions Matter?

Marco Bellandi, Silvia Lombardi, Erica Santini (p) The reconfiguration of traditional manufacturing areas affected by servitization processes: a perspective from Italy

Riccardo Cappellin (p) The recovery of investments and of internal demand and the territorial integration of new productions

Guido Pellegrini (p) Investment policy and regional inequalities in Italy Riccardo Cappellin

Fabio Mazzola (p) An industrial policy for manufacturing-lacking regions: the case of southern Italy

Andrea Caragliu (p), Roberta Capello, Ugo Fratesi Compensation effects in Cross-Border Regions

Roberta Capello (p), Camilla Lenzi Evolutionary regional innovation patterns and economic performance

Carlo Ciccarelli (p), Peter Groote Regional Accessibility and Early Development of Railroads in Italy

Roberta Capello, Giovanni Perucca (p) Cohesion policy perceptions of EU citizens in alternative regional policy
implementation settings

Dario Musolino (p) Marie-France Gaunard-Anderson Characteristics and effects of twin cities integration: the case of Reggio and Messina in Southern Italy

Paolo Veneri (p), Alessia De Stefani, Marcos Diaz-Ramirez Does quality of governance affect the returns of policy for entrepreneurship? Evidence from European regions

Eleonora Cutrini (p), Roy Cerqueti Testing for localization with relative entropy measures

Angela Colucci, Giulia Pesaro (p) Learning from Practices: Emergent Issues for Enhancing Urban Resilience from the
Experience of the [Italian] Resilience Practices Observatory

Valentina Aiello, Cristina Brasili (p) The potential relation between institutional quality and social capital: evidence from EU regions.

Marco Bellandi, Lisa De Propris, Erica Santini (p) Endogenous Rerouting, Longevity in Systemic Organisations of Production, and Policies of Manufacturing Recovery in Europe

Claudia Ferretti, Chiara Bocci (p), Patrizia Lattarulo Spatial Interactions in Property Tax Policies Among Italian Municipalities

 

2017 - Giacomo Becattini: un ricordo fra distretto industriale e rovelli del regionalismo

di: Marco Bellandi

EyesReg, Vol.7, N.2, Marzo 2017 

"...In questo breve ricordo ripercorro alcuni tratti della via “concreta” con cui Becattini arriva al distretto industriale nel corso degli anni Sessanta e Settanta (del secolo scorso), cioè l’interpretazione dello sviluppo economico regionale in Toscana e in Italia. Non è una via tranquilla, non solo per il confronto col mainstream economicista, ma anche per quello spesso aspro con la sinistra toscana e nazionale. Un documento del 1969, scritto col nucleo di giovani ricercatori del neonato IRPET (Istituto regionale per la programmazione economica della Toscana) che Becattini fonda e dirige, propone un’interpretazione altamente originale sullo sviluppo economico toscano nei primi decenni del secondo dopoguerra, collegata alle sorti di quella che viene chiamata l’industria “leggera”. L’interpretazione fa scandalo, per così dire, in quanto appunto si discosta dalle visioni di destra e di sinistra sull’inesorabile debolezza di un’industrializzazione non fondata su settori “moderni” e grandi imprese. Il punto interessante è che l’interpretazione non è scolpita come un monolite. Le oscillazioni e gli adattamenti di Becattini su vari aspetti connessi e importanti possono essere messi in relazione, non solo con contraddizioni e difficoltà interne all’emergere di una visione originale dello sviluppo economico; ma anche con la volontà pertinace di Becattini di offrire, con le sue ricerche socio-economiche, materiale per buone scelte di politica di sviluppo (“programmazione” si diceva allora) locale e regionale..."

 

2017 - Investimenti, innovazione e nuove strategie di impresa Quale ruolo per la nuova politica industriale e regionale?

Il libro del Gruppo di Discussione “Crescita, Investimenti e Territorio” delinea le linee guida della nuova politica industriale e regionale necessaria per uscire dalla crisi, e può rappresentare un quadro di riferimento largamente condiviso, rigoroso e articolato sui diversi temi, e utile per future iniziative di dibattito pubblico organizzate da istituzioni e associazioni, nel campo dell’ideazione, progettazione tecnica-operativa e dell’avvio della realizzazione di investimenti innovativi per lo sviluppo economico nelle diverse città e regioni o nei diversi settori economici.

Volume a cura di Cappellin R., Baravelli M., Bellandi M., Camagni R., Capasso S., Ciciotti E., Marelli E. (Milano: Egea, 2017)

Prefazioni di:

Fabio Mazzola, Past-President della Associazione Italiana di Scienze Regionali (AISRe);  Gaetano Aiello, Vice-Presidente dell’Accademia Italiana di Economia Aziendale (AIDEA) e di Marco Bellandi, Università di Firenze;  Marco Di Tommaso, Segretario Generale, e di Anna Giunta, Presidente della Società Italiana di Economia e Politica Industriale (SIEPI)

Contributi di:

Gaetano Aiello, Maurizio Baravelli, Raffaele Barberio, Elisa Barbieri, Leonardo Becchetti, Marco Bellandi, Luca Beltrami Gadola, Patrizio Bianchi, Ruggiero Borgia, Angela Botticini, Giampio Bracchi, Alberto Bramanti, Antonio Calabrò, Salvatore Capasso, Riccardo Cappellin, Aldo Cavadini, Enrico Ciciotti, Cosmo Colonna, Enrico Conti, Augusto Cusinato, Gregorio De Felice, Carlo De Vito, Alfredo Del Monte, Marco Di Tommaso, Claudia Ferretti, Fiorenzo Ferlaino, Maurizio Franzini, Gioacchino Garofoli, Lorenzo Giussani, Giorgio Goggi, Giuseppe Gori, Fabrizio Guelpa, Donato Iacobucci, Patrizia Lattarulo, Giuseppe Longhi, Enrico Marelli, Fabio Mazzola, Pietro Modiano, Loris Nadotti, Attilio Pasetto, Guido Pellegrini, Carlo Antonio Pescetti, Luciano Pilotti, Francesca Rota, Zeno Rotondi, Enzo Rullani, Lanfranco Senn, Marcello Signorelli, Francesco Silva, Giampaolo Vitali.

Il libro è scaricabile gratuitamente dal sito del Gruppo di Discussione "Crescita, Investimenti e Territorio": http://economia.uniroma2.it/dmd/crescita-investimenti-e-territorio

e dal sito Egea

http://www.egeaonline.it/ita/prodotti/economia/investimenti-innovazione-e-nuove-strategie-di-impresa.aspx 

 

 

2016 - Ricordo di Dino Martellato

di: Stefano Magrini 

Scarica il documento 

"...L’attività scientifica di Dino Martellato è stata fortemente caratterizzata dal suo interesse verso l’analisi dei sistemi urbani e regionali. Membro del comitato scientifico di Scienze Regionali-Italian Jounal of Regional Science e Associate Editor degli Annals of Regional Science, è stato tra i promotori dell’Associazione Italiana di Scienze Regionali e anche membro del suo Consiglio Direttivo tra il 1986 e il 1989. Ha inoltre diretto vari progetti di ricerca tra i quali lo studio del sistema del trasporto pubblico locale del Veneto, finanziato dalla Regione Veneto (dal 1998 al 2000), e l’analisi dell’impatto economico del Corridoio V, finanziato attraverso i fondi europei INTERREG IIIB (dal 2003 al 2004)...."

 

2016 - La finanza territoriale. Rapporto 2016

IRES Piemonte, IRPET Toscana, SRM Studi e Ricerche per il Mezzogiorno, Eupolis Lombardia, IPRES Puglia, Liguria Ricerche

Nell’allegato è disponibile il documento pubblicato con licenza Creative Commons (CC-BY-NC-ND 3.0 IT)

[Scarica l'allegato]

Il Rapporto 2016 è stato presentato il 12 dicembre 2016 alla Camera dei Deputati con un buon successo di pubblico e dibattito. 

Programma

Comunicato stampa

 

2016 - Investimenti, innovazione e nuove strategie di impresa Quale ruolo per la nuova politica industriale e regionale 

Nell’allegato e sul sito del Gruppo di Discussione: “Crescita, Investimenti e Territorio” è disponibile il volume"Investimenti, innovazione e nuove strategie di impresa Quale ruolo per la nuova politica industriale e regionale?"Egea, 2017. Il volume  delinea le linee guida della nuova politica industriale e regionale necessaria per uscire dalla crisi, e può rappresentare un quadro di riferimento largamente condiviso, rigoroso e articolato sui diversi temi, e utile per future iniziative di dibattito pubblico organizzate da istituzioni e associazioni, nel campo dell’ideazione, progettazione tecnica-operativa e dell’avvio della realizzazione di investimenti innovativi per lo sviluppo economico nelle diverse città e regioni o nei diversi settori economici.

[Scarica l'allegato]

Curatori del volume sono: Cappellin R., Baravelli M., Bellandi M., Camagni R., Capasso S., Ciciotti E., Marelli E. 

Prefazioni di:

Fabio Mazzola, Past-President della Associazione Italiana di Scienze Regionali (AISRe)

Gaetano Aiello, Vice-Presidente dell’Accademia Italiana di Economia Aziendale (AIDEA) e di Marco Bellandi, Università di Firenze

Marco Di Tommaso, Segretario Generale, e di Anna Giunta, Presidente della Società Italiana di Economia e Politica Industriale (SIEPI)

Contributi di:

Gaetano Aiello, Maurizio Baravelli, Raffaele Barberio, Elisa Barbieri, Leonardo Becchetti, Marco Bellandi, Luca Beltrami Gadola, Patrizio Bianchi, Ruggiero Borgia, Angela Botticini, Giampio Bracchi, Alberto Bramanti, Antonio Calabrò, Salvatore Capasso, Riccardo Cappellin, Aldo Cavadini, Enrico Ciciotti, Cosmo Colonna, Enrico Conti, Augusto Cusinato, Gregorio De Felice, Carlo De Vito, Alfredo Del Monte, Marco Di Tommaso, Claudia Ferretti, Fiorenzo Ferlaino, Maurizio Franzini, Gioacchino Garofoli, Lorenzo Giussani, Giorgio Goggi, Giuseppe Gori, Fabrizio Guelpa, Donato Iacobucci, Patrizia Lattarulo, Giuseppe Longhi, Enrico Marelli, Fabio Mazzola, Pietro Modiano, Loris Nadotti, Attilio Pasetto, Guido Pellegrini, Carlo Antonio Pescetti, Luciano Pilotti, Francesca Rota, Zeno Rotondi, Enzo Rullani, Lanfranco Senn, Marcello Signorelli, Francesco Silva, Giampaolo Vitali.

 

2016 – AISRe nella Commissione degli utenti dell'informazione statistica (Cuis-Istat) 

Alla fine del 2011 l'Istat ha costituito la Commissione degli utenti dell'informazione statistica, Cuis. Dopo una fase iniziale, la Commissione è stata ampliata e ricostituita nell’agosto 2013, allargando il numero dei partecipanti. Presieduta dal presidente dell'Istat, la Cuis è composta oggi dai rappresentanti di 37 istituzioni, quali organi costituzionali e a rilevanza costituzionale, centri studi e società scientifiche, regioni e comuni, il mondo delle imprese e delle organizzazioni civiche e di volontariato, il movimento per l'open data e i mass media.

Tra i soggetti chiamati a partecipare anche il Presidente dell'AISRe  in rappresentanza dell’Associazione  e della comunità di scienziati regionali che ad essa fa riferimento.

Una Commissione interna al Direttivo AISRe sta già lavorando alla formalizzazione di un primo elenco di questioni, istanze e richieste relative alla raccolta e distribuzione delle statistiche funzionali alle SR. Eventuali indicazioni e richieste possono esser fatte pervenire in forma sintetica alla Segreteria dell’Associazione.

La Cuis ha il compito di coadiuvare l'Istat nella ricognizione della domanda di informazione statistica emergente nella società italiana e, in base alle indicazioni operative contenute in apposite linee guida, svolge le seguenti funzioni:

  • definisce, in modo coordinato, le esigenze degli utenti delle statistiche ufficiali secondo un ordine di priorità che tenga conto anche dei vincoli di bilancio degli enti del Sistan;
  • formula proposte per la definizione del Programma statistico nazionale (Psn), predisponendo annualmente un documento sulla domanda di statistiche ufficiali, per le aree di produzione in cui si articola il Psn;
  • propone iniziative per migliorare la trasparenza dell'informazione statistica ufficiale, in linea con i principi di accessibilità, tempestività, pertinenza, imparzialità e adeguatezza delle risorse necessarie a soddisfare le esigenze;
  • promuove azioni di advocacy, incoraggiando l'interazione tra diversi gruppi di utilizzatori, affinché la statistica ufficiale possa disporre di risorse adeguate per rispondere alle esigenze conoscitive della collettività, nazionale e internazionale.

La Commissione sviluppa la sua attività attraverso: assemblee plenarie, consultazioni (consultazioni ad hoc e altre forme flessibili di interazione fra i componenti per approfondire l'analisi settoriale delle esigenze statistiche), gruppi di lavoro.

 

2016 – Le riviste italiane dell'area economica, giuridica, delle scienze sociali e storiche (ESSPER)

La banca dati ESSPER raccoglie e mette a disposizione gratuitamente via web lo spoglio degli articoli delle principali riviste italiane dell'area economica, giuridica, delle scienze sociali e storiche. Essa rappresenta  un utile punto di accesso libero e unitario alle informazioni bibliografiche relative ai contenuto di riviste italiane su queste discipline, consentendo una ricerca sia per autore che per parole del titolo (oltre che per discipline e macroargomenti).

La banca dati è liberamente consultabile on-line ed è il frutto della cooperazione volontaria tra biblioteche e bibliotecari, coordinata dalla Biblioteca dell'Università di Castellanza LIUC.

Le Biblioteche aderenti a ESSPER collaborano nell’inserimento dei dati sulle pubblicazioni possono entrare in relazione con le altre Biblioteche aderenti e praticare forme di collaborazione e scambio di documenti.

Tra gli spogli inseriti nel catalogo si trovano anche:

La Biblioteca di Eupolis Lombardia partecipa alla banca dati in quanto Biblioteca incaricata dello spoglio degli articoli di due testate, tra cui la rivista "EyesReg". 

 

2015 - La finanza territoriale. Rapporto 2015

IRES Piemonte, IRPET Toscana, SRM Studi e Ricerche per il Mezzogiorno, Eupolis Lombardia, IPRES Puglia, Liguria Ricerche

Nell’allegato è disponibile il documento pubblicato con licenza Creative Commons (CC-BY-NC-ND 3.0 IT)

Nel 2015 prendono avvio importanti riforme istituzionali e contabili e si prefigurano prossimi interventi fiscali, il cui effetto sui territori è sempre più differenziato. Il Rapporto 2015 presenta le evoluzioni congiunturali della finanza pubblica territoriale, monitora il processo di riforma istituzionale e contabile in atto, delinea le prospettive future sulla base del dibattito in corso, raccogliendo le esperienze e le riflessioni che emergono dai vari contesti regionali. L'Introduzione della I parte è curata da Gilberto Turati (Università di Torino) e l'Introduzione della II parte da Riccardo Mussari (Università di Siena). 

[Scarica l'allegato]

  • L’IRES produce studi monografici sulla struttura e sull’evoluzione del governo locale del Piemonte. Le vicende della finanza locale e le sue dinamiche nella regione sono analizzate anche nell’ambito dell’annuale relazione socio-economica.
  • L’IRPET, oltre a compiere studi monografici sul federalismo e sui problemi della fiscalità decentrata, produce il rapporto periodico La Finanza locale in Toscana. Effettua anche stime territorialmente disaggregate sul gettito e sugli effetti distributivi sulle principali imposte.
  • SRM - Studi e Ricerche per il Mezzogiorno, Centro Studi collegato al Gruppo Intesa Sanpaolo, è specializzato nell’analisi delle dinamiche economiche regionali con particolare attenzione al Mezzogiorno e al Mediterraneo. I filoni di ricerca sono: infrastrutture, finanza pubblica e public utilities, economia e imprese profit e nonprofit, economia del Mediterraneo.
  • Éupolis Lombardia - Istituto superiore per la ricerca, la statistica e la formazione supporta l’esercizio delle funzioni di Regione Lombardia, attraverso la promozione e diffusione di un sistema avanzato di conoscenze al fine di sostenere, secondo il principio di sussidiarietà, lo sviluppo complessivo del territorio lombardo e degli enti, istituzioni e organismi a esso relazionati.
  • L’IPRES - Istituto Pugliese di Ricerche Economiche e Sociali è un'associazione partecipata dalla Regione Puglia e da enti pubblici espressioni del sistema delle autonomie locali e funzionali del territorio regionale. L'attività di ricerca riguarda diversi ambiti: la finanza locale, il welfare, il capitale umano, la programmazione territoriale e lo sviluppo locale, le relazioni internazionali e i flussi migratori nell'area euro-mediterranea.
  • Liguria Ricerche S.p.A. supporta la Regione Liguria nell’attività di programmazione generale e di settore attraverso studi e ricerche sull’economia e la società ligure. La società svolge inoltre attività di assistenza tecnica a programmi e progetti cofinanziati dall’Unione Europea e dallo Stato che interessano il territorio regionale.

 

2015 - La ripresa economica e la politica industriale e regionale 

Nell’allegato e sul sito del Gruppo di Discussione: “Crescita, Investimenti e Territorio” è disponibile il documento La ripresa economica e la politica industriale e regionale, che rappresenta la sintesi dei contributi elaborati nel 2014 e discussi nel Policy Workshop del 12 settembre al Congresso 2014 dell’AISRe a Padova. Il documento è stato elaborato da M. Baravelli, M. Bellandi, R. Cappellin, E. Ciciotti e E. Marelli e analizza quattro temi: il cambiamento nelle politiche macroeconomiche - l’innovazione nelle imprese e gli investimenti in nuove produzioni – i cambiamenti nelle aree urbane e nei settori d’intervento strategici nelle politiche regionali – i limiti delle politiche fiscali finora perseguite.

Il documento dimostra l’inefficacia, al fine di avviare una ripresa dell’economia italiana ed europea, delle politiche fiscali o monetarie da sole, sostiene che le politiche monetarie e fiscali nazionali ed europee devono essere integrate con le politiche delle infrastrutture e le politiche di sviluppo industriale e sottolinea che i centri urbani, sia di natura metropolitana che di medie dimensioni, devono rappresentare la struttura di base o il principio di organizzazione di un grande “Piano di investimenti” mirato alla ripresa della crescita dell’economia europea e italiana. Si tratta in pratica di realizzare un circolo virtuoso che leghi tra loro i nuovi bisogni dei cittadini - il miglioramento della qualità della vita – l’innovazione – la finanza di progetto - gli investimenti – lo sviluppo di nuovi settori a scala locale e nazionale – la crescita e la maggiore competitività urbana e regionale.

[Scarica l'allegato]

 

2015 - Le scienze regionali tra specialismo e interdisciplinarietà: verso una mappatura degli insegnamenti

È disponibile su EyesReg-Giornale di Scienze Regionali (Vol.1, N.5 – Gennaio 2015) l’articolo di Dario Musolino e Francesca Silvia Rota Le scienze regionali tra specialismo e interdisciplinarietà: verso una mappatura degli insegnamenti. Come si collocano le scienze regionali nelle università italiane? Ovvero, dove vengono tenuti gli insegnamenti regionalistici? In quali aree e settori disciplinari? In quali atenei? E anche: gli insegnamenti delle scienze regionali sono effettivamente interdisciplinari, come vorrebbe la loro conclamata vocazione, oppure tendono allo specialismo disciplinare? E dove, e come, si collocano nel quadro dell’offerta dei diversi atenei del paese? Ci sono in questo senso aree e sedi “privilegiate”? Sono questi gli interrogativi a cui ha cercato di rispondere un’attività esplorativa di indagine che, promossa dall’Associazione di Scienze Regionali Italiane, ha avuto per oggetto l’offerta formativa regionalistica (insegnamenti attinenti le scienze regionali) dei primi 31 atenei italiani in termini di studenti iscritti. Una sintesi schematica dei risultati di questa indagine è contenuta nell’articolo di EyesReg. Una versione più lunga dello studio, L’insegnamento delle scienze regionali tra specialismo e interdisciplinarietà. Un’analisi dell’offerta formativa nelle università italiane (Musolino e Rota, 2014) è stata pubblicata nel n.176 (ottobre 2014) dei Quaderni LEL (Università Cattolica del Sacro Cuore – Sede di Piacenza)

[Scarica l'allegato] 

 

2010 – La storia dell’AISRe in un articolo di Scienze Regionali

Nell’articolo La creazione dell’AISRe: dallo stimolo della RSAI al ruolo internazionale della Sezione Italiana della RSAI, pubblicato nella Sezione Speciale di Scienze Regionali (Vol. 9 – n. 1, 2010, pp. 127-138), Riccardo Cappellin - primo Segretario dell’AISRe e Presidente nel Direttivo 2011-2013 – documenta le fasi di origine e evoluzione dell’AISRe, evidenziandone fattori di successo e difficoltà. Il fine dell’articolo è infatti quello di trasmettere ai ricercatori più giovani la conoscenza della storia dell’Associazione, da cui trarre i suggerimenti per continuare il lavoro negli anni futuri.

[Scarica l'allegato]